it_IT News Blogo.it - Ultime notizie della sezione News Fri, 25 May 2018 06:46:57 +0000 Fri, 25 May 2018 06:46:57 +0000 Zend_Feed_Writer 2 (http://framework.zend.com) http://www.blogo.it/news 2004-2014 Blogo.it 8xmille: oltre 995 milioni di euro alla Chiesa Cattolica nel 2015 Thu, 24 May 2018 20:04:44 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595667/8xmille-oltre-995-milioni-di-euro-alla-chiesa-cattolica-nel-2015 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595667/8xmille-oltre-995-milioni-di-euro-alla-chiesa-cattolica-nel-2015 Redazione Blogo.it Redazione Blogo.it

Gualtiero Bassetti

La Conferenza Episcopale Italiana ha reso noto oggi quanto i cittadini italiano hanno destinato alla Chiesa Cattolica con l'8xmille attraverso le dichiarazioni dei redditi del 2015, e quindi relative ai redditi dell'anno precedente: 997,9 milioni di euro, poco meno di un miliardo di euro.

Una cifra enorme da utilizzare in questo 2018, con 275 milioni euro destinati ad interventi caritativi e ben 367 milioni che serviranno invece al sostentamento del clero. Dei fondi destinati alla carità, 150 milioni arriveranno alle diocesi e 65 milioni saranno destinati al Terzo Mondo.

Di seguito il dettaglio, così come è stato diffuso oggi dalla CEI:


    TOTALE DISPONIBILE: 997,973 milioni di euro
    Esigenze di culto e pastorale: 355,473 milioni di euro
    Alle diocesi (per culto e pastorale): 156 milioni di euro
    Edilizia di culto: 132 milioni di euro
    Fondo per la catechesi e l’educazione cristiana: 13,473 milioni di euro
    Tribunali Ecclesiastici Regionali: 13,500 milioni di euro
    Esigenze di rilievo nazionale: 40,500 milioni di euro
    Interventi caritativi: 275 milioni di euro (150 milioni alle diocesi, 65 milioni al Terzo Mondo e 60 milioni per le esigenze di rilievo nazionale)
    Sostentamento del clero: 367,500 milioni di euro

La percentuale di cittadini che han deciso di destinare l'8xmille alla Chiesa Cattolica nel 2015 è stata dell'81,22%, in lievissimo aumento rispetto all'anno precedente e in netto cale. Se andiamo a guardare invece lo storico, notiamo un calo piuttosto evidente: nel 2005, ad esempio, quella scelta era stata fatta dall'89,82% dei contribuenti italiani. Da lì c'è stato un costante calo che, nel 2016, è sceso sotto la soglia dell'80%.

PROSEGUI LA LETTURA

8xmille: oltre 995 milioni di euro alla Chiesa Cattolica nel 2015 é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 22:04 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
I 5 sintomi della sciatica che non dovremmo sottovalutare Thu, 24 May 2018 19:21:59 +0000 http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/575696/sintomi-della-sciatica http://scienzaesalute.blogosfere.it/post/575696/sintomi-della-sciatica Ran Ran

Sintomi della sciatica

La sciatalgia, conosciuta anche semplicemente come sciatica, è un problema di irritazione o compressione nel nervo sciatico (o ischiatico) appunto, il più lungo dell'intero corpo umano. Ha origine infatti nella parte alta del bacino, si irradia lungo i glutei e prosegue lungo gli arti inferiori, terminando ai piedi.

Quando il nervo sciatico si infiamma in qualunque dei suoi punti, la prima reazione è di tipo doloroso e il rischio è che, se il disturbo non viene trattato correttamente, possa rendere invalidante la nostra quotidianità, rendendo difficili i movimenti più basilari.

Posto che la sciatica insorge normalmente dopo i 40-50 anni, non è infrequente che anche i soggetti più giovani possano soffrirne, soprattutto se svolgono attività che portano ad una compressione del nervo ischiatico. Le stesse donne in gravidanza possono talvolta sperimentare questo fastidioso problema.

I 5 sintomi rivelatori del problema sono quelli che seguono.


  1. Dolore costante in un solo lato del gluteo o delle gambe. Raramente in entrambe le gambe.
    Il dolore peggiora quando si è seduti.

  2. Dolore alle gambe che comprende anche bruciore o pizzicore localizzato.

  3. Debolezza, intorpidimento o difficoltà a muovere una gamba, un piede o le dita dei piedi.

  4. Dolore acuto che rende difficile camminare o alzarsi in piedi.

  5. Dolore che si irradia attraverso la gamba e nel piede.

Se ci ritroviamo in questa casistica, programmiamo una vista dal neurologo, dal fisiatra o dall'ortopedico, che potranno procedere a test approfonditi per sciogliere ogni riserva. La diagnosi di sciatica avviene con visita approfondita, che può comprendere anche radiografia, TAC o risonanza magnetica.

Le cure per la sciatica comprendono somministrazione di antinfiammatori, ibuprofene o paracetamolo e trattamenti col caldo o il freddo. A livello di cure non farmacologiche si sono dimostrate efficaci l'agopuntura, lo yoga e la chiropratica.

Sotto il profilo omeopatico, i rimedi naturali più usati sono a base di iperico, arnica e artiglio del diavolo.

Foto | iStock

PROSEGUI LA LETTURA

I 5 sintomi della sciatica che non dovremmo sottovalutare é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 21:21 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Donald Trump cancella il summit con Kim Jong-un Thu, 24 May 2018 18:50:50 +0000 http://www.polisblog.it/post/393530/donald-trump-cancella-il-summit-con-kim-jong-un http://www.polisblog.it/post/393530/donald-trump-cancella-il-summit-con-kim-jong-un redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Donald Trump

21.00 - La lettera di Donald Trump ha destabilizzato i tanti che erano davvero convinti che l'incontro con Kim Jong-un, a cominciare dalla Corea Del Sud che aveva fatto da tramite tra i due leader.

Il presidente Moon Jae-in li ha invitati entrambi a prendere un contatto diretto e ha precisato di non avere idea del perchè di questo cambiamento repentino, sottolineando come la denuclearizzazione della penisola coreana non possa essere abbandonata:

Sono molto perplesso ed è davvero spiacevole che il summit tra gli Stati Uniti e la Corea Del Nord non avrà luogo.

Il Pentagono, intanto, ha precisato che la palla è ora in mano alla Corea Del Nord: Trump ha detto ciò che doveva dire e ora sarà Kim Jong-un a decidere come procedere.

18.20 - Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato oggi di aver cancellato lo storico summit con il leader nordcoreano Kim Jong-un, fissato fino a stamattina per il 12 giugno prossimo a Singapore. Trump ha pubblicato su Twitter la lettera ufficiale inviata a Kim Jong-un, attribuendo proprio al comportamento di Pyongyang questa decisione.

Abbiamo enormemente apprezzato con rispetto il suo tempo, la sua pazienza e il suo sforzo verso le nostre recenti negoziazioni e discussioni relative al summit a lungo cercato da entrambe le parti, che era in programma il 12 giugno a Singapore. Ci avevano informato che l'incontro era stato richiesto dalla Corea Del Nord, ma questo per noi è irrilevante. Non vedevo l'ora di essere lì con lei. Purtroppo, a causa della tremenda rabbia e aperta ostilità mostrata nelle sue recenti dichiarazioni, trovo che sia inappropriato, in questo momento, tenere questo incontro in programma da tempo. Ecco quindi questa lettera, che serve ad comunicarle che il summit di Singapore, per il bene di entrambe le parti, ma a discapito di tutto il Mondo, non avrà luogo. Lei parla delle sue potenzialità nucleari, ma le nostre sono così enormi e potenti che prego Dio di non doverle mai usare.

Sentivo che si stava creando un meraviglioso dialogo tra me e lei e, alla fine, è soltanto il dialogo ciò che conta. Non vedo l'ora di incontrarla in futuro. Nel frattempo voglio ringraziarla per aver rilasciato gli ostaggi che sono ora a casa con le loro famiglie. È stato un bellissimo gesto e lo abbiamo molto apprezzato.

Se dovesse cambiare idea riguardo a questo importante summit, non esiti a scrivere o chiamare. Il Mondo, e la Corea Del Nord in particolare, ha perso una grande opportunità per una lunga pace e un grande prosperità. Questa opportunità mancata rappresenta un triste momento nella Storia.

La lettera di Donald Trump indirizza a Kim Jong-un è stata pubblicata e inviata proprio oggi, poche ore dopo l'annuncio della Corea Del Nord di aver distrutto il sito nucleare di Punggye-ri, teatro di tutti i test nucleari effettuati da Pyongyang.

Di fatto Trump è riuscito ad ottenere il rilascio dei tre ostaggi statunitensi e lo smantellamento del sito per i test nucleari, cancellando comodamente l'incontro proprio dopo il raggiungimento di questi due obiettivi storici.

Dalla Corea Del Nord non è ancora arrivata alcuna risposta ufficiale, ma possiamo immaginare che Kim Jong-un non resterà in silenzio ancora a lungo.

PROSEGUI LA LETTURA

Donald Trump cancella il summit con Kim Jong-un é stato pubblicato su Polisblog.it alle 20:50 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Giuseppe Conte: "Chi è stato truffato dalle banche sarà risarcito" Thu, 24 May 2018 18:18:35 +0000 http://www.polisblog.it/post/393550/giuseppe-conte-dopo-le-consultazioni http://www.polisblog.it/post/393550/giuseppe-conte-dopo-le-consultazioni redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Giuseppe Conte dopo le consultazioni

Il Presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, ha concluso questa giornata di consultazioni con un breve discorso nel corso del quale ha definito proficua questa giornata di confronti e ha spiegato che intenderà agire con rapidità nel definire una squadra di governo ed iniziare così il prima possibile a governare, non appena otterrà la fiducia in Parlamento.

Oggi ho avviato e concluso le consultazioni con i principali rappresentati di tutte le forze politiche che sono rappresentate in Parlamento. Desidero ringraziarli tutti vivamente per la franca e cortese interlocuzione che ho avuto con tutti loro.
È stata una giornata proficua da tutti i punti di vista perchè mi ha consentito di acquisire una serie di prime valutazioni e sensibilità, espresse dai vari interlocutori politici, che mi torneranno molto utili nella formazione del governo.

Conte ha spiegato che incontrerà a breve un gruppo di persone che hanno perso i risparmi di una vita a causa del default di alcune banche. La promessa fatta dal Presidente del Consiglio incaricato è molto importante: "Chi ha subito truffe o raggiri sarà risarcito".

Concluderò questa giornata incontrano una delegazione di risparmiatori che hanno sofferto per il default di alcune banche. Queste persone hanno diritto, come tante altre, ad essere ascoltate dalle istituzioni. Sono persone che chiedono il rispetto dei loro diritti e che il loro risparmio venga tutelato, come è scritto nella Costituzione.
Dirò loro che la tutela dei loro risparmi, spesso frutto di sacrifici e di una vita di lavoro, sarà uno dei principali impegni di questo governo. Un governo del cambiamento. Chi ha subito truffe o raggiri sarà risarcito. Nella prima mattinata di domani incontrerò invece il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco.

Per quanto riguarda i ministri che comporranno il nuovo governo, Conte ha promesso che già domani completerà la lista da sottoporre poi al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella:

Per ciò che riguarda i tempi della formazione del governo, dedicherò l'intera giornata di domani ad elaborare una proposta da sottoporre alla Presidente della Repubblica. I ministri che proporrò, così come il sottoscritto, saranno ministri politici. Saranno cioè persone che condividono obiettivi e programmi del governo del cambiamento, che abbiano dato prova di poter adempiere alle funzioni pubbliche che saranno date con disciplina e onore.

PROSEGUI LA LETTURA

Giuseppe Conte: "Chi è stato truffato dalle banche sarà risarcito" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 20:18 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Giuseppe Conte: terminate le consultazioni del Premier incaricato Thu, 24 May 2018 18:00:25 +0000 http://www.polisblog.it/post/393451/giuseppe-conte-consultazioni http://www.polisblog.it/post/393451/giuseppe-conte-consultazioni redazione Blogo.it redazione Blogo.it

20.00 - Il Presidente del Consiglio incaricato, terminate le consultazioni, ha rilasciato una breve dichiarazione in cui si è detto soddisfatto di come sono andati i faccia a faccia odierni. La lista dei possibili ministri da sottoporre al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sarà preparata nella giornata di domani, venerdì 25 maggio 2018.

19.40 - Dopo appena 10-15 minuti di colloquio, Luigi Di Maio si è brevemente trattenuto nella sala stampa di Montecitorio e ha così commentato il faccia a faccia con Giuseppe Conte:

Ci interessa coinvolgere in questo governo tutte le migliori energie di questo Paese. Ci sono tante storie da raccontare e tante soluzioni da dare. Ci sono tante soluzioni da mettere in piedi chi ha un'impresa e paga il 60% di tasse, quelle persone che stanno nelle loro aziende dalla mattina alla sera e pagano le tasse per servizi che non vedono.
Penso a quello che dobbiamo fare sulla scuola, a quello che dobbiamo sul lavoro, a quello che dobbiamo fare sulla sanità. C'è tanto da fare, ci sono tanti problemi da risolvere.
Oggi siamo molto felici. Della squadra dei ministri se ne occuperanno il Presidente Conte e il Presidente Mattarella.
Spero che questo sia un Parlamento che sfornerà poche leggi, ma buone. Noi faremo la nostra parte nel sostenere questo governo del cambiamento e lo faremo mettendo in primo piano le preoccupazioni degli italiani.
Noi vogliamo partire da coloro che sono stati tagliati fuori dalle politiche pubbliche degli ultimi 10 anni. I diritti sociali sono al centro del nostro contratto di governo. Abbiamo fatto l'in bocca al lupo e l'augurio di buon lavoro al Presidente Conte. Siamo convinti che sia la persona giusta per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati nel contratto di governo.
Dobbiamo tante risposte agli italiani e non vediamo l'ora di metterci al lavoro.

19.31 - Ecco le prime parole di Matteo Salvini dopo l'incontro con Giuseppe Conte:

Ottimo confronto. Idee. Proposte. Un mondo diverso a quello che leggiamo su qualche giornale. Si è parlato del futuro che ci chiedono di far partire e ci siamo confrontati su come iniziare a realizzare quello che vogliono gli italiani. Si parla di tasse, di giovani, di lavoro, di pensioni, di immigrati, di tasse.
Lasciamo al professor Conte il compiuto di proporre a chi di dovere i nomi di chi si farà carico di realizzare gli obiettivi che ci siamo prefissati.
Noi possiamo offrire consigli, proposte e suggerimenti. Siamo sicuri che tutti coloro che avevano qualche preoccupazione la dismetteranno, perchè il nostro obiettivo comunque è far crescere l'Italia. Non vogliamo distruggere, vogliamo soltanto aiutare l'Italia a tornare a contare nel Mondo.

19.10 - La delegazione della Lega, guidata da Matteo Salvini, sta incontrando Giuseppe Conte in questi minuti.

19.00 - Silvio Berlusconi ha concluso l'incontro con Giuseppe Conti senza passare per l'uscita verso la sala stampa. Il leader di Forza Italia se ne è andato senza rilasciare alcuna dichiarazione, passando così per quello che peggio di tutti ha preso questa esclusione dal nuovo governo Lega-M5S. Persino Giorgia Meloni, fortemente critica nei confronti di questa unione tra Lega e Movimento 5 Stelle, si era trattenuta e aveva parlato per 7 minuti dopo il faccia a faccia con Conte.

18.03 - In lieve ritardo sulla tabella di marcia, Silvio Berlusconi e gli altri rappresentanti di Forza Italia hanno raggiunto la Sala dei Busti di Montecitorio per incontrare il Presidente del Consiglio incaricato, pochi minuti dopo le dichiarazioni di Maurizio Martina al termine del colloqui con Conte.

17:55 - Al termine dell’incontro con Giuseppe Conte, il reggente del PD, Maurizio Martina, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai giornalisti: "I nostri giudizi sono negativi per quel che riguarda le scelte e i contenuti del contratto tra Movimento 5 Stelle e Lega. Se si parte da quelle scelte, il Partito Democratico non può che essere alternativo. Non c’è nessun cambiamento utile in questo tentativo di governo, sia dal punto del metodo, sia per le scelte fondamentali. I due leader politici sono incoerenti, non ci convince la superficialità generica, con dichiarazioni di circostanza su questioni importanti. La nostra sarà un’opposizione seria e responsabile".

17:17 - Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia), al termine del colloquio con il presidente del Consiglio designato, Giuseppe Conte, ha rilasciato alcune dichiarazioni davanti ai giornalisti presenti. "I nostri timori erano fondati, si tratta di un governo fortemente caratterizzato dal Movimento 5 Stelle. Non abbiamo capito quali siano le priorità, ma il premier ci ha parlato innanzitutto di reddito di cittadinanza, misura con la quale noi siamo in disaccordo. Non sono ottimista e mi dispiace che le istanze del centrodestra, che ha vinto le elezioni, passeranno in secondo piano. Guarderemo i provvedimenti che arriveranno in aula e se ci saranno provvedimenti connessi alla sovranità noi ci saremo. Come ci saremo sulla flat tax, anche se abbiamo riscontrato una certa timidezza. Noi vigileremo e tiferemo per l'Italia".

Ore 16:24 - Il Senatore Pietro Grasso ha ribadito a nome di LEU che il suo gruppo non voterà la fiducia dopo aver analizzato il contratto di Governo sottoscritto da Di Maio e Salvini. Grasso ha annunciato che sfiderà il Governo in parlamento su alcuni temi fondamentali che riguardano il benessere dei cittadini. Tra gli altri: il lavoro, la sanità, l'ambiente e i diritti di cittadinanza. Come prevedibile, insomma, LEU non voterà la fiducia al Governo di M5S-Lega.

Ore 15:47 - Terminato l'incontro con il gruppo "per le Autonomie (Svp-Patt, Uv)" del Senato della Repubblica e componente del gruppo misto Camera dei Deputati "Minoranze linguistiche". I rappresentanti di questa delegazione disomogenea si sono confrontati con il Presidente incaricato ed hanno definito "positivo" questo incontro avendo ritrovato in Giuseppe Conte un interlocutore "preparato sui temi delle autonomie". Ad ogni modo il gruppo non si è espresso sulla questione di fiducia perché aspetta di leggere prima il programma definitivo che entrerà a far parte della mozione. Probabilmente i rappresentanti delle autonomie avranno avanzato qualche richiesta a Conte, suggerendogli di arricchire il programma di governo da presentare in aula per ottenere il loro appoggio.

Ore 14:04 - Il Senatore Maurizio Buccarella, uno degli espulsi dal Movimento 5 Stelle per la vicenda rimborsopoli, ha ribadito che voterà la fiducia al Governo di Conte. Buccarella ha parlato anche a nome di Carlo Martelli, altro Senatore espulso dai 5 Stelle per la stessa vicenda. Anche se si tratta di 2 espulsi dal Movimento, potranno risultare importantissimi considerati i soli 6 voti di scarto che avrebbe la maggioranza composta da 5 Stelle e Lega al Senato.

Ore 13:55 - È terminato anche l'incontro con i rappresentanti della componente del gruppo misto Camera dei Deputati Maie e componente del gruppo misto Senato "Psi-Maie". Il primo a prendere la parola è stato Salvatore Caiata, imprenditore candidato ed eletto nel Movimento 5 Stelle, ma non ammesso al gruppo perché indagato in un'inchiesta per riciclaggio. Caiata ha ribadito l'intenzione di appoggiare il Governo pur non facendo parte del gruppo dei 5 Stelle. Dopo ha parlato il Senatore Ricardo Merlo, eletto in Argentina con la lista Maie. Anche Merlo ha confermato di voler votare la fiducia al Governo del Professor Conte perché soddisfatto dalla parte del Contratto di Governo dedicata agli italiani all'estero.

Ore 13:40 - È terminato l'incontro tra il Professor Conte e la delegazione "Noi con l'Italia - Usei". A parlare a nome del gruppo è stato Maurizio Lupi che ha ribadito che non voterà la fiducia al Governo non condividendo diversi punti importanti del Contratto di Governo, pur garantendo comunque un'opposizione costruttiva. Secondo Lupi nel contratto è previsto un ritorno al "centralismo statale", che non si sposa con il programma elettorale del centrodestra. Poi c'è una "distanza enorme sul reddito di cittadinanza"; uno strumento non condiviso dalla delegazione rappresentata dall'ex ministro Lupi.

Ore 12:47 - Si è concluso anche il secondo incontro e a parlare con i giornalisti è il ministro della Salute uscente Beatrice Lorenzin, che dice di avere molte perplessità sul programma di governo e promette un'opposizione costruttiva. Ha anche detto di aver sottolineato al Premier incaricato di puntare alla sostenibilità del welfare e della Sanità.

Ore 12:30 - È finito il primo incontro del Premier incaricato Giuseppe Conte. Tra i senatori incontrati c'era Emma Bonino che, dopo il colloquio, così ha parlato ai giornalisti:

"Abbiamo detto al Premier incaricato Conte che pensavamo di trovarci davanti a un Premier politico e non un tecnico. Ma sappiamo anche che questo governo, se avrà la maggioranza, governerà. Abbiamo preannunciato la nostra opposizione rigorosa e ribadito che gli interessi dell'Italia si difendono in Europa e non contro l'Europa. Chiederemo senza sosta al governo di non essere antagonista dell'Europa, ma protagonista di una nuova fase di unione, ma senza complessi di inferiorità rispetto alla Germania"

Ore 12:00 - Le consultazioni del Premier incaricato Giuseppe Conte sono cominciate. La diretta dalla sala stampa è disponibile a questo link.

Ore 11:45 - Mancano ormai pochissimi minuti all'avvio dei colloqui del Premier incaricato Giuseppe Conte con i rappresentati del gruppi parlamentari di Camera e Senato. I primi a presentarsi nella Sala dei Busti saranno i componenti del gruppo misto della Camera dei Deputati "Europa-Centro democratico" e i componenti del gruppo misto al Senato "più Europa con Emma Bonino".

Le consultazioni del Premier Giuseppe Conte


Giuseppe Conte consultazioni

Giovedì 24 maggio 2018, ore 9:30 - È giorno di consultazioni oggi per il Premier incaricato Giuseppe Conte. Se ieri è stato lui ad andare a visitare le prime tre cariche dello Stato, ottenendo il mandato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per poi andare a comunicarlo dal Presidente della Camera Roberto Fico e infine dalla Presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, oggi tocca a lui ricevere tutte le forze politiche, alle quali esporrà il "suo" programma, ossia il contratto di governo firmato da MoVimento 5 Stelle e Lega.

Conte comincerà le sue consultazioni alle ore 12, cominciando dai gruppi parlamentari più piccoli e procederà fino a sera. Tutti gli incontri si svolgeranno presso la Sala Busti a Montecitorio. Nelle prime ore procederà con i gruppi minori, poi, nel pomeriggio, vedrà Fratelli d'Italia, Partito Democratico, Forza Italia, Lega e infine MoVimento 5 Stelle.

Alcune forze politiche ieri hanno già manifestato la propria intenzione di non dare la fiducia al governo di Conte: è il caso di Partito Democratico, Forza Italia e Fratelli d'Italia. Tuttavia il governo può ottenere la fiducia con i voti di Lega e M5S che, invece, sono entusiasti della nomina di Conte, da loro stessi scelto. Seguite in diretta con noi tutti gli appuntamenti di questa intensa giornata politica.

Consultazioni Conte: calendario degli incontri

Ore 12:00, componente del gruppo misto Camera dei Deputati "Europa-Centro democratico" e componente del gruppo misto Senato "Più Europa con Emma Bonino"

Ore 12:20, componente del gruppo misto Camera dei Deputati "Civica popolare-Ap-Psi-Area civica".

Ore 13:00, componente del gruppo misto Camera dei Deputati "Noi con l'Italia - Usei"

Ore 13:20, componente del gruppo misto Camera dei Deputati Maie - Movimento associativo italiani all'estero e componente del gruppo misto Senato "Psi-Maie"

Ore 13:40, gruppo misto del Senato della Repubblica

Ore 15:00, gruppo "per le Autonomie (Svp-Patt, Uv)" del Senato della Repubblica e componente del gruppo misto Camera dei Deputati "Minoranze linguistiche"

Ore 15:40, gruppo "Liberi e Uguali" della Camera dei Deputati e senatori del gruppo misto Senato "Liberi e uguali"

Ore 16:20, gruppi "Fratelli d'Italia" del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati

Ore 17:00, gruppi "Partito democratico" del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati

Ore 17:40, gruppi "Forza Italia - Berlusconi Presidente" del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati

Ore 18:20, gruppi "Lega - Salvini Premier" del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati

Ore 19:00, gruppi "Movimento 5 stelle" del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati

Foto © Quirinale

PROSEGUI LA LETTURA

Giuseppe Conte: terminate le consultazioni del Premier incaricato é stato pubblicato su Polisblog.it alle 20:00 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Salvini: "A Conte l'onere e l'onore di scegliere i ministri" Thu, 24 May 2018 17:42:39 +0000 http://www.polisblog.it/post/393542/salvini-a-conte-lonere-e-lonore-di-scegliere-i-ministri http://www.polisblog.it/post/393542/salvini-a-conte-lonere-e-lonore-di-scegliere-i-ministri redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Matteo Salvini a Montecitorio

Il leader della Lega Matteo Salvini si è brevemente intrattenuto nella sala stampa di Montecitorio dopo il primo incontro con Giuseppe Conte dopo l'incarico conferitogli da Sergio Mattarella nella giornata di ieri.

Il leader di Forza Nuova, dopo l'avvertimento del Quirinale di non influenzare le scelte che spettano al nuovo Presidente del Consiglio, ha ribadito ai giornalisti che "l'onere o l'onore" di scegliere i ministri del nuovo governo spetta solo a Giuseppe Conte, "noi possiamo solo offrire consigli, proposte e suggerimenti".

Ottimo confronto. Idee. Proposte. Un mondo diverso a quello che leggiamo su qualche giornale. Si è parlato del futuro che ci chiedono di far partire e ci siamo confrontati su come iniziare a realizzare quello che vogliono gli italiani. Si parla di tasse, di giovani, di lavoro, di pensioni, di immigrati, di tasse.

Salvini si è detto molto soddisfatto di questo incontro ufficiale e convinto che anche gli altri componenti del centrodestra arriveranno a ricredersi non appena vedranno la squadra che comporrà il nuovo governo e, soprattutto, i primi risultati che verranno raggiunti dal Governo di Giuseppe Conte.

PROSEGUI LA LETTURA

Salvini: "A Conte l'onere e l'onore di scegliere i ministri" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 19:42 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Berlusconi, vertice a Palazzo Grazioli dopo l'incontro con Conte Thu, 24 May 2018 17:18:04 +0000 http://www.polisblog.it/post/393533/berlusconi-non-rilascia-dichiarazioni-dopo-conte http://www.polisblog.it/post/393533/berlusconi-non-rilascia-dichiarazioni-dopo-conte redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi aveva già annunciato stamattina l'intenzione di Forza Italia di non votare la fiducia al Governo Conte e oggi, dopo l'incontro col Presidente del Consiglio incaricato da Mattarella, non sembra esser tornato sui propri passi. Anzi, al contrario di tutte le persone che oggi si sono presentate a Montecitorio per incontrare Conte, lui è stato l'unico ad aver preferito non rilasciare alcuna dichiarazione.

I giornalisti presenti in sala stampa non si sono neanche resi conto dell'uscita di Silvio Berlusconi, che ha lasciato la Sala dei Busti di Montecitorio in modo defilato, evitando accuratamente di commentare l'incontro.

Un rospo duro da mandare giù per Silvio Berlusconi, che vedeva in un possibile governo di centrodestra l'ultima possibilità di tornare al potere dopo esser stato riabilitato dai giudici. Ed evidentemente l'incontro con Conte non ha contribuito a migliorare la situazione.

Persino la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni, che aveva accolto molto criticamente l'alleanza tra Salvini e Di Maio, e di fatto la rottura del centrodestra che si era presentato molto unito alle prime consultazioni, si è trattenuta per 7 minuti in sala stampa subito dopo l'incontro con Conte.

Berlusconi, invece, ha preferito convocare già per stasera un vertice di Forza Italia a Palazzo Grazioli. All'incontro prenderanno parte tutte le figure principali del partito, dalle presidenti dei gruppi di Palazzo Madama e Montecitorio, Anna Maria Bernini e Mariastella Gelmini, così come Antonio Tajani, Niccolò Ghedini, Mara Carfagna, Gregorio Fontana e Simone Baldelli.

PROSEGUI LA LETTURA

Berlusconi, vertice a Palazzo Grazioli dopo l'incontro con Conte é stato pubblicato su Polisblog.it alle 19:18 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Appello Formigoni: accusa chiede di aumentare la pena Thu, 24 May 2018 14:54:19 +0000 http://www.polisblog.it/post/393515/appello-formigoni-accusa-chiede-di-aumentare-la-pena http://www.polisblog.it/post/393515/appello-formigoni-accusa-chiede-di-aumentare-la-pena redazione Blogo.it redazione Blogo.it

ROME, ITALY - MARCH 15:  Senator Roberto Formigoni votes for the president of Senate during the Italian Parliament inaugural session at Senate on March 15, 2013 in Rome, Italy. The new Italian parliament, which opens the 17th Legislature, has the task of electing the President of the House of Parliament and of the Senate, before giving way to a new government. Pier Luigi Bersani, leader of the Democratic Party, asked his senators and representatives to vote blank votes with the intent to continue to work on an agreement with the Five Stars Movement (M5S) who instead said that it will vote only for its candidates for the presidency of House of Parliament and the Senate.  (Photo by Elisabetta Villa/Getty Images)

La Procura della Repubblica di Milano ha chiesto un aumento di pena per Roberto Formigoni nel processo d'appello per corruzione per il caso Maugeri e San Raffaele. In primo grado l'ex Governatore è stato condannato a 6 anni, con tanto di confisca di 6,6 milioni di euro di beni. La Procura Generale nella requisitoria del processo d'appello ha chiesto "il massimo della pena" per Formigoni, ritenendo "gravissimi" i fatti a lui contestati: "Si è sottratto costantemente a confronti e interrogatori nel corso delle indagini, non ha reso esame dibattimentale e non ha voluto il confronto con i giudici. Per questo non merita nessuna attenuazione della pena che, anzi, deve essere aumentata".

Già nella sentenza di primo grado il Tribunale di Milano aveva tracciato un quadro inquietante circa le sue responsabilità: "utilità corrisposte a Formigoni in esecuzione dell’accordo corruttivo, tra il 2006 ed il 2011, siano stimabili nell’ordine di almeno sei milioni di euro, a fronte di circa 120 milioni di euro e di circa 180 milioni di euro che, nello stesso periodo, vengono erogati dalla Regione rispettivamente a Fondazione Salvatore Maugeri e Ospedale San Raffaele".

Ricordiamo che Formigoni non è stato rieletto nelle ultime elezioni, non avendo la sua lista superato la soglia di sbarramento.

PROSEGUI LA LETTURA

Appello Formigoni: accusa chiede di aumentare la pena é stato pubblicato su Polisblog.it alle 16:54 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Trapani: catturato piromane seriale, così incendiava auto a caso [VIDEO] Thu, 24 May 2018 13:49:31 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595661/trapani-catturato-piromane-seriale-cosi-incendiava-auto-a-caso-video http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595661/trapani-catturato-piromane-seriale-cosi-incendiava-auto-a-caso-video Redazione Blogo.it Redazione Blogo.it

trapani piromane

I carabinieri sono riusciti a risolvere il mistero relativo ad una serie di atti incendiari consumatisi tra i comuni di Trapani ed Erice. In manette un 24enne con precedenti penali, che in seguito a due mesi di indagini, è stato inchiodato alle sue responsabilità. In particolare, il ragazzo è stato riconosciuto dalle telecamere di sorveglianza di un esercizio pubblico, che lo hanno inquadrato mentre dava fuoco ad una vettura.

Le complesse attività di indagine hanno consentito agli uomini dell’arma di ricostruire cinque episodi avvenuti tra la notte di Pasqua fino al 14 maggio scorso: vittime del piromane le auto di privati cittadini lasciate in sosta nei pressi delle rispettive abitazioni. Secondo i riscontri dei carabinieri, infatti, il 24enne appiccava gli incendi casualmente e senza alcun motivo, giusto per il piacere di veder bruciare le autovetture. In alcuni episodi particolarmente gravi, è stato necessario anche evacuare alcune persone poiché le loro case erano minacciata dalle fiamme delle auto.

PROSEGUI LA LETTURA

Trapani: catturato piromane seriale, così incendiava auto a caso [VIDEO] é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 15:49 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Governo Conte: dopo Cecconi, altri due ex M5S annunciano la fiducia Thu, 24 May 2018 12:50:02 +0000 http://www.polisblog.it/post/393504/governo-conte-cecconi-2-ex-m5s-annunciano-fiducia http://www.polisblog.it/post/393504/governo-conte-cecconi-2-ex-m5s-annunciano-fiducia redazione Blogo.it redazione Blogo.it

carlo martelli governo conte

Il governo di Giuseppe Conte vede allargarsi il consenso in Parlamento e, considerati i numeri risicati soprattutto al Senato, è una buona notizia per Lega e Movimento 5 Stelle. Proprio dagli ex pentastellarti arriva una “stampella” salutare per il nuovo esecutivo. I senatori Maurizio Buccarella e Carlo Martelli, infatti, voteranno la fiducia al governo Conte, come annunciato dal primo (parlando anche a nome del secondo) al termine delle consultazioni con il Gruppo Misto. I due ex 5 Stelle non hanno aderito a nessuna delle componenti del Gruppo Misto, a differenza invece di quanto fatto dall’altro espulso per il caso “rimborso poli”, Andrea Cecconi, entrato a far parte della componente del MAIE alla Camera dei Deputati.

Poco prima delle elezioni, Buccarella e Martelli erano finiti al centro di un servizio de Le Iene, assieme ad altri candidati pentastellati, poiché non avevano restituito degli stipendi percepiti quanto certificato tramite la piattaforma “Tirendiconto”. Allontanati da Luigi Di Maio, sono stati comunque eletti e finito nel Gruppo Misto, tramite il quale comunque potranno dare un appoggio “esterno” al loro precedente partito. Con il sostegno di Buccarella e Martelli, la maggioranza ha così un “vantaggio” sulla minoranza di 8 senatori.

Governo Conte: il sì di Cecconi alla Camera

Qualcosa di analogo accadrà alla Camera dei Deputati, anche se qui lo scarto è già maggiore. Andrea Cecconi, espulso dal Movimento 5 Stelle per lo stesso motivo degli altri due colleghi, ha già confermato che voterà la fiducia al governo Conte.

“Io appoggerò certamente questo governo - le parole riportate da ‘Il Fatto Quotidiano’ - , perché Luigi Di Maio ha fatto un ottimo lavoro trovando un accordo con la Lega su degli argomenti e su delle cose da serie fare, quindi credo che questo sarà un ottimo governo per questo Paese. Credo che non ci sia ragione per non appoggiare questo governo da una persona che è stata nel Movimento 5 Stelle per anni. Appoggerò governo Conte e spero lo facciano anche i Senatori ex del movimento”.

PROSEGUI LA LETTURA

Governo Conte: dopo Cecconi, altri due ex M5S annunciano la fiducia é stato pubblicato su Polisblog.it alle 14:50 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Berlusconi conferma: "No alla fiducia" Thu, 24 May 2018 12:23:59 +0000 http://www.polisblog.it/post/393487/berlusconi-conferma-no-alla-fiducia http://www.polisblog.it/post/393487/berlusconi-conferma-no-alla-fiducia Stefano Capasso Stefano Capasso

MILAN, ITALY - MAY 09:  Silvio Berlusconi leaves the Fondazione Sacra Famiglia on May 9, 2014 in Milan, Italy. Today Silvio Berlusconi starts his community service for tax fraud at Fondazione Sacra Famiglia in Cesano Boscone.  (Photo by Pier Marco Tacca/Getty Images)

Alle 17:40 Silvio Berlusconi è atteso da Giuseppe Conte per le Consultazioni. Il capo di Forza Italia ha però già preso la sua decisione ancor prima di sedersi al tavolo con il Premier incaricato: il suo partito non voterà la fiducia a questo Governo sostenuto da M5S e Lega. In una nota Berlusconi ha spiegato di aver già chiaro il quadro della situazione: "Questi primi segnali non sono affatto incoraggianti, e quindi non possiamo che confermare la nostra scelta di votare no alla fiducia e di stare all'opposizione di un governo che, al di là dei nomi, porta chiarissimo il segno dell'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini".

Troppo grande la distanza con il Movimento 5 Stelle: "L'atteggiamento responsabile di Forza Italia, che ha rinunciato a porre veti o pregiudiziali, è stato determinante nel consentire al Capo dello Stato di assegnare l'incarico di formare un nuovo governo con una maggioranza politica. Tale governo non potrà però vedere il sostegno di Forza Italia, sia per la partecipazione di una forza politica con noi del tutto incompatibile come il Movimento Cinque Stelle, sia per i programmi già annunciati, gravemente insufficienti a dare una risposta ai bisogni degli italiani".

Il contratto di Governo per Berlusconi è "il libro dei sogni" e preoccupa il leader di FI: "Ne siamo tanto più convinti dopo avere sentito il prof Conte che, nell'accettare l'incarico conferitogli dal Presidente della Repubblica, ha già annunciato la formula politica e i confini programmatici del suo governo, limitandolo a quel 'contratto' fra Movimento 5 stelle e Lega che, oltre a non avere alcun valore giuridico, è per metà un ingenuo libro dei sogni e per metà contiene scelte preoccupanti per l'Italia e gli italiani, dalle infrastrutture alla giustizia".

PROSEGUI LA LETTURA

Berlusconi conferma: "No alla fiducia" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 14:23 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Salvini: "Siamo l'unico governo della storia attaccato prima ancora di nascere" Thu, 24 May 2018 11:49:34 +0000 http://www.polisblog.it/post/393489/salvini-siamo-unico-governo-storia-attaccato-prima-ancora-nascere http://www.polisblog.it/post/393489/salvini-siamo-unico-governo-storia-attaccato-prima-ancora-nascere redazione Blogo.it redazione Blogo.it

salvini live facebook

È ormai un appuntamento fisso, quello di Matteo Salvini con i live Facebook: il leader della Lega ha parlato intorno alle 13 dal proprio profilo social, difendendo l’operato del suo partito e del Movimento 5 Stelle per la formazione del nuovo governo a guida Giuseppe Conte. Pur mantenendo ciascuno le proprie identità politiche, sottolinea Salvini, i due partiti hanno firmato un contratto che promettono di rispettare in ogni punto. Agli oppositori interni ed esterni, ma anche agli “amici” di Forza Italia e Fratelli d’Italia, il segretario del carroccio chiede fiducia.

"Savona è la figura in grado di rimettere l'Italia al centro del dibattito in Europa - esordisce Salvini su Facebook - . Siamo il primo governo della storia attaccato prima ancora di nascere. Pare che Savona in passato abbia avuto dubbi sull'efficacia sull'Euro: mi domando se ha senso il voto libero degli italiani, se va rispettato e qual è il problema - insiste - se qualcuno mette a disposizione la propria competenza per discutere in Europa per il bene degli italiani. Vi assicuro che faremo tutto quello che non siamo riusciti a fare in passato. Certo, anch'io avrei preferito un governo di centrodestra, ma il presidente Mattarella non ci ha dato l'incarico. O si tornava a votare o si faceva un governo con i Cinquestelle, inserendo quanto più possible del nostro programma".

Ribadendo che la linea guida della politica del nuovo esecutivo sarà “prima gli italiani”, Matteo Salvini ne ha anche per l’UE, che ha espresso titubanze e preoccupazioni per la formazione in Italia di un governo di stampo “populista”.

"L'Europa consiglia o meglio minaccia parlando di una manovra da 10 miliardi. Intendo fare l'opposto di quello che l'Ue ha minacciato ai governanti italiani negli ultimi anni. Non c’è da aver paura di questo governo, chi si è fregato il meglio dell’Italia è evidente che questo esecutivo non lo vuole", la replica del leader del Carroccio.

PROSEGUI LA LETTURA

Salvini: "Siamo l'unico governo della storia attaccato prima ancora di nascere" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 13:49 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Usa: 2 bambini morti in Virginia per spari accidentali in 24 ore Thu, 24 May 2018 11:21:37 +0000 http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595656/usa-2-bambini-morti-in-virginia-per-spari-accidentali-in-24-ore http://cronacaeattualita.blogosfere.it/post/595656/usa-2-bambini-morti-in-virginia-per-spari-accidentali-in-24-ore Stefano Capasso Stefano Capasso

revolver-2933620_1280.png

USA - Due bambini di appena 2 anni sono morti in Virginia martedì scorso. Il primo caso è avvenuto nella contea di Louisa, dove un bambino è stato colpito da un colpo di arma da fuoco esploso dal fratellino di 4 anni. Il secondo caso invece è accaduto a Roanoke, dove un altro bambino di 2 anni si è sparato da solo. In entrambi i casi è evidente la responsabilità degli adulti che hanno lasciato le armi incustodite nella disponibilità dei bambini.

È però altrettanto vero che un problema (enorme) legato alle armi esiste negli Stati Uniti. Sono troppo diffuse ed è anche troppo semplice acquistarle; la conseguenza è anche quella di non avere più la corretta percezione del pericolo rappresentato dal solo possesso di un arma da fuoco.

Le pistole non sono giocattoli e non tutti gli adulti sono abbastanza maturi da potersi assumere una tale responsabilità. D'altra parte negli Stati Uniti c'è un Presidente che propone (seriamente) di armare gli insegnanti per risolvere il problema delle stragi nelle scuole; la battaglia del movimento "Never Again" si preannuncia lunghissima.

PROSEGUI LA LETTURA

Usa: 2 bambini morti in Virginia per spari accidentali in 24 ore é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 13:21 di Thursday 24 May 2018

]]>
0
Renzi su Lega e M5S: "Adesso loro diventano il potere, l’establishment, la casta" Thu, 24 May 2018 11:06:03 +0000 http://www.polisblog.it/post/393473/renzi-su-lega-e-m5s-adesso-loro-diventano-il-potere-lestablishment-la-casta http://www.polisblog.it/post/393473/renzi-su-lega-e-m5s-adesso-loro-diventano-il-potere-lestablishment-la-casta redazione Blogo.it redazione Blogo.it

Matteo Renzi

Matteo Renzi, dopo il commento di ieri con un "in bocca al lupo" al Premier incaricato Giuseppe Conte in cui preannunciava un'opposizione "dura e rigorosa", oggi è tornato sull'argomento e in modo più approfondito nella sua eNews, rivolta ai "frequentatori" del suo sito web. Il segretario dimissionario del Partito Democratico ha scritto:

"Adesso loro diventano il potere, loro diventano l’establishment, loro diventano la casta. Non hanno più alibi, non hanno più scuse, non hanno più nessuno cui dare la colpa. È finito il tempo delle urla: tocca governare. Ne saranno capaci? Auguri e in bocca al lupo a tutti noi. Sarebbe estremamente facile per noi giocare sulle incoerenze che caratterizzano la nuova maggioranza. Ci hanno spesso rinfacciato le mie contraddizioni, a cominciare dal non aver abbandonato la politica dopo il referendum. Tutte cose alle quali ho risposto nel merito ma che i nostri avversari liquidavano con 'Noi siamo coerenti, voi no'. Da oggi non se lo possono più permettere. Perché devono governare l’Italia, non strillare su Facebook. E se cercate l’incoerenza, da oggi, la troverete davvero"

Renzi poi evidenzia le "incoerenze" di Alessandro Di Battista, che criticava la Lega, di Luigi Di Maio, che se la prendeva con "monti, Bersani, Alfano" che in campagna elettorale non avevano mai detto di essere disposti a fare un governo insieme, di Marco Travaglio, che aveva detto due mesi fa che se Di Maio si fosse accordato con la Lega lo avrebbe linciato in piazza.

Poi Renzi prova a fare dell'ironia e scrive:

"Ci sorrido sopra e non mi scandalizzo: la politica porta ai compromessi. L’importante è mantenere l’onestà intellettuale di chiamare le cose con il loro nome. Vedrete i prossimi giorni sui social. Mi immagino le istruzioni dal Sacro Blog. Attenzione, attenzione: ciò che prima chiamavamo 'inciucio' adesso si chiama 'terza repubblica'. Ciò che prima chiamavamo 'spartizione di poltrone' adesso si chiama 'governo del cambiamento'. Il ministro dell’interno che garantisce la maggioranza con i propri voti che prima chiamavamo 'Alfano traditore' adesso si chiama 'Salvini responsabile'. Colui che prima chiamavamo 'Premier non eletto da nessuno' oggi si chiama 'Servitore dello Stato incaricato dal Presidente della Repubblica'"

Renzi se la prende anche con Salvini, che usa i voti presi con Berlusconi e Meloni per portarli ai Cinque Stelle e scrive:

"Un abbraccio solidale a chi ha votato Forza Italia perché Berlusconi si proponeva come garante contro il populismo e vede oggi una parte degli eletti della coalizione sostenere il Governo a Cinque stelle. E un abbraccio affettuoso doppio a chi diceva che il PD non era di sinistra e che bisognava votare Beppe Grillo: grazie a questa scelta al Viminale ci va Salvini e Marine Le Pen esulta dalla Francia"

Poi sull'opposizione dice che deve attrezzarsi con campa e "senza isterismi", senza parlarsi addosso. Fa anche una precisazione sull'assemblea del PD di sabato scorso:

"Sono rimasto molto sorpreso dal tono dell’assemblea nazionale del PD di sabato: mi era stato chiesto di rinunciare a parlare per dare un messaggio unito e coeso all’esterno. Ho evitato dunque di pronunciare il mio discorso e mi scuso con chi mi ha scritto in questi giorni criticandomi per aver rinunciato. E ciò nonostante le liturgie del PD hanno mandato in onda in streaming l’ennesimo psicodramma incomprensibile agli addetti ai lavori, figuriamoci ai cittadini. Basta con le risse senza senso, vi prego. E con divisioni sul nulla. Noi dobbiamo pensare a costruire un’opposizione degna di questo nome e prepararci a costruire l’alternativa se loro falliranno, quando loro falliranno. Al Governo, adesso, ci sono gli altri"

Renzi elenca le promesse fatte da Lega e M5S, poi conclude con un "pensierino della sera" dedicato a Matteo Salvini:

"Uscendo dal Quirinale, Matteo Salvini ha detto che vuole fare un Governo per il 20% di italiani che fanno uso di psicofarmaci. Sarebbe interessante discutere del dato, delle cause, dell’utilizzo dei medicinali e di molto altro"

e chiede più rispetto e meno strumentalizzazione.

PROSEGUI LA LETTURA

Renzi su Lega e M5S: "Adesso loro diventano il potere, l’establishment, la casta" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 13:06 di Thursday 24 May 2018

]]>
0