Madame et Monsieur... Cannes

La storia del Festival, dal 1946 ad oggi

(A cura di Carla Cigognini)


Anche quest'anno Blogo sarà presente a Cannes dove vi racconterà ​il Festival (dall'11 al 22 maggio 2016) attraverso le recensioni dei film presenti. Ma non è tutto. Quest'anno Blogo vi regala un viaggio nel Festival, dalla sua nascita ad oggi attraverso tutti i premi, le curiosità, le foto sulla Croisette, gli scandali e anche quei film che sono stati fischiati. Bon voyage! 

La Storia

Il Festival di Cannes è nato da un'idea di Jean Zay, ministro per l'Istruzione e delle Belle Arti: voleva infatti un evento culturale internazionale francese per rivaleggiare il Festival del Cinema di Venezia. La prima edizione doveva svolgersi dal 1 al 30 settembre del 1939 ma con lo scoppio della seconda guerra mondiale tutto venne rimandato. La prima edizione ufficiale si svolse così nel 1946, dal 20 settembre al 5 ottobre. 

I film selezionati per il Festival vengono suddivisi in due sezioni: il Concorso e Un certain Regard. Le pellicole in Concorso sono in gara per la Palma d’oro come miglior film, il Grand Prix (una specie di secondo premio per opere meritevoli), i premi per gli attori, la regia, la sceneggiatura e il premio della giuria. La Palma d’Oro nasce nel 1955. Fino al 1954 il premio principale era chiamato "Grand Prix du Festival International du Film" ed era un’opera di un artista contemporaneo, diverso ogni anno. Alla fine del 1954 gli organizzatori del festival decisero di far realizzare un premio a forma di Palma, simbolo del sistema araldico di Cannes.  Vennero invitati alcuni gioiellieri a mandare un loro progetto: il trofeo fu sviluppato sulla base del disegno del designer di gioielli Lucienne Lazon.
 

Dal 1946 al 1954

Nel 1946 11 film tornarono a casa con il Grand Prix: 

- La grande svolta  di Fridrikh Markovitch Ermler 
- Uomini senz'ali di František Čáp 
- Spasimo di Alf Sjöberg 
- La vergine indiana di Emilio Fernández 
- Roma città aperta di Roberto Rossellini 
- Neecha nagar di Chetan Anand 
- Breve incontro di David Lean
- Sinfonia pastorale di Jean Delannoy 
- Giorni perduti  di Billy Wilder 
- I campi scarlatti  di Bodil Ipsen e Lau Lauritzen
- L'ultima speranza di Leopold Lintberg
Nel 1947 i premi vennero suddivisi in 5 categorie

- Grand Prix miglior commedia musicale: Ziegfeld Follies, di autori vari 
- Grand Prix miglior film d'animazione: Dumbo, di Ben Sharpsteen e Walt Disney
- Grand Prix miglior film d'avventura e poliziesco: I maledetti di René Clément 
- Grand Prix miglior film psicologico e d'amore: Amore e fortuna di Jacques Becker 
- Grand Prix miglior film sociale: Odio implacabile di Edward Dmytryk

Nel 1948 e nel 1950 il Festival non venne organizzato per problemi finanziari.  
1949

- Grand Prix: Il terzo uomo di Carol Reed
- Prix de la mise en scène (Miglior Regia): René Clément - Le mura di Malapaga 
- Miglior attrice: Isa Miranda - Le mura di Malapaga 
- Miglior attore: Edward G. Robinson - Amaro destino 
- Prix du scénario (sceneggiatura): Alfred L. Werker - La tragedia di Harlem 
- Prix per la colonna sonora: Dimenticati da Dio di Emilio Fernández 
- Prix per la scenografia: Occupati di Amelia! di Claude Autant-Lara 
1951

- Grand Prix: Miracolo a Milano di Vittorio De Sica ex aequo La notte del piacere di Alf Sjöberg 
- Premio speciale della giuria: Eva contro Eva di Joseph L. Mankiewicz 
- Miglior regia: Luis Buñuel - I figli della violenza 
- Miglior attrice: Bette Davis - Eva contro Eva
- Miglior attore: Michael Redgrave - Addio Mr. Harris 
- Sceneggiatura: Terence Rattigan - Addio Mr. Harris 
 - Prix exceptionnel: I racconti di Hoffmann di Michael Powell e Emeric Pressburger 
1952

- Grand Prix: Due soldi di speranza di Renato Castellani ex aequo Otello di Orson Welles
- Premio speciale della giuria: Siamo tutti assassini di André Cayatte
- Miglior regia: Christian-Jaque - Fanfan la Tulipe
- Miglior attrice: Lee Grant - Pietà per i giusti 
- Miglior attore: Marlon Brando - Viva Zapata! 
- Sceneggiatura: Piero Tellini - "Guardie e ladri" di Mario Monicelli e Steno
1953

- Grand Prix: Vite vendute di Henri-Georges Clouzot
- Film d'aventures: Il brigante di Lima Barreto
- Miglior film de la bonne humeur: Benvenuto, Mister Marshall! di Luis Garcia Berlanga
- Miglior film de divertissement: Lili di Charles Walters
- Film dramatique: Torna, piccola Sheba di Daniel Mann
- Film legendaire: Il bianco pastore di renne di Erik Blomberg 
- Film d'explorateur: Magia verde di Gian Gaspare Napolitano 
- Le mieux raconté par l'image: La rete di Emilio Fernández 
1954

- Grand Prix: La porta dell'inferno di Teinosuke Kinugasa
- Prix spécial du Jury: Le amanti di Monsieur Ripois
•  Prix International: 
L'ultimo ponte  di Helmut Käutner 
- Deserto che vive di James Algar 
- Prima del diluvio di André Cayatte 
- Due ettari di terra di Bimal Roy 
- Carosello napoletano di Ettore Giannini 
- Cronache di poveri amanti di Carlo Lizzani 
- Piatka z ulicy Barskiej di Aleksander Ford
- La meravigliosa avventura di Arne Sucksdorff
- Skanderbeg l'eroe albanese di Sergei Yutkevich 

Ferdinando Esposito: "Ma come, lei è così grosso e non commendatore?"​ Lorenzo Bottoni: "Ma perché, i commendatori vanno a peso?"(Guardie e ladri, 1951)

Dal 1955 al 1964

1955

- Palma d'oro: Marty, vita di un timido di Delbert Mann 
- Prix spécial du Jury: Continente perduto di Enrico Gras, Giorgio Moser e Leonardo Bonzi 
- Miglior regia: Sergei Vasilyev - Geroite na Shipka  ex aequo Jules Dassin - Rififi  
- Miglior interpretazione (ex aequo): Spencer Tracy - Giorno maledetto e il cast di "Una grande famiglia"
- Film dramatique: La valle dell'Eden di Elia Kazan 
- Film lyrique: Romeo i Dzhulyetta di Leo Arnštam e Leonid Lavrovsky  
- Menzione: Baby Naaz - Boot Polish e Pablito Calvo - Marcellino pane e vino 
1956

- Palma d'oro: Il mondo del silenzio di Jacques-Yves Cousteau e Louis Malle
- Prix spécial du Jury: Il mistero Picasso di Henri-Georges Clouzot 
- Miglior interpretazione: Susan Hayward - Piangerò domani
- Miglior regia: Sergej Jutkevič - Otello il moro di Venezia 
- Prix de l'humour poétique: Sorrisi di una notte d'estate di Ingmar Bergman
- Prix du document humain: Il lamento sul sentiero di Satyajit Ray
1957

- Palma d'oro: La legge del Signore di William Wyler 
- Prix spécial du Jury: I dannati di Varsavia di Andrzej Wajda ex aequo Il settimo sigillo di Ingmar Bergman 
- Prix spécial: Il quarantunesimo di Grigori Chukhrai 
- Miglior Regia: Robert Bresson - Un condannato a morte è fuggito  
- Miglior Attrice: Giulietta Masina - Le notti di Cabiria
- Miglior Attore: John Kitzmiller - La valle della pace
- Mention exceptionnelle: Gotoma the Buddha di Rajbans Khanna  
1958

- Palma d'oro: Quando volano le cicogne di Mikhail Kalatozov
- Prix spécial du Jury: Mio zio di Jacques Tati  
- Miglior regia: Ingmar Bergman - Alle soglie della vita 
- Miglior cast femminile: Bibi AnderssonEva DahlbeckBarbro Hiort Af Ornas e Ingrid Thulin - Alle soglie della vita 
- Miglior attore: Paul Newman - La lunga estate calda 
- Miglior sceneggiatura: Pier Paolo PasoliniMassimo Franciosa e Pasquale Festa Campanile - Giovani mariti 
1959

- Palma d'oro: Orfeo negro di Marcel Camus 
- Prix spécial du Jury: La stella di David di Konrad Wolf  
- Prix international: Nazarín di Luis Buñuel 
- Miglior Regia: François Truffaut - I quattrocento colpi 
- Miglior attrice: Simone Signoret - La strada dei quartieri alti di Jack Clayton 
- Miglior attore: Dean StockwellBradford Dillman e Orson Welles - Frenesia del delitto 
- Prix de comédie: Policarpo, ufficiale di scrittura di Mario Soldati 
1960

- Palma d'oro: La dolce vita di Federico Fellini 
- Prix spécial du Jury: L'avventura di Michelangelo Antonioni
- Prix de la meilleure participation: Ballata di un soldato di Grigori Chukhrai e La signora dal cagnolino di Iosif Kheifits 
- Miglior attrice: Melina Mercouri - Mai di domenica ex aequo Jeanne Moreau - Moderato cantabile 
- Menzione speciale a: La fontana della vergine di Ingmar Bergman e Violenza per una giovane di Luis Buñuel  
1961

- Palma d'oro: Viridiana di Luis Buñuel ex aequo L'inverno ti farà tornare di Henri Colpi 
- Prix spécial du Jury: Madre Giovanna degli Angeli di Jerzy Kawalerowicz  
- Miglior regia: Yuliya Solntseva - Storia degli anni di fuoco  
- Miglior attrice: Sophia Loren - La ciociara  
- Miglior attore: Anthony Perkins - Le piace Brahms? 
- Prix Gary Cooper: Un grappolo di sole di Daniel Petrie 
- Premio FIPRESCI: La mano en la trampa di Leopoldo Torre Nilsson 
1962

- Palma d'oro: La parola data di Anselmo Duarte 
- Prix spécial du Jury: L'eclisse di Michelangelo Antonioni ex aequo Il processo di Giovanna d'Arco di Robert Bresson 
- Miglior attrice: Katharine Hepburn - Il lungo viaggio verso la notte ex aequo Rita Tushingham - Sapore di miele  
- Miglior attore: Dean StockwellJason Robards e Ralph Richardson - Il lungo viaggio verso la notte ex aequo Murray Melvin - Sapore di miele 
- Prix de la meilleure comédie: Divorzio all'italiana di Pietro Germi  
1963

- Palma d'oro: Il Gattopardo di Luchino Visconti
- Prix spécial du Jury: Un giorno, un gatto di Vojtech Jasny ex aequo Harakiri di Masaki Kobayashi
- Miglior attrice: Marina Vlady - Una storia moderna: l'ape regina 
- Miglior attore: Richard Harris - Io sono un campione
- Miglior sceneggiatura: Dumitru CarabatHenri Colpi e Yves Jamiaque - Sangue al sole 
- Premio Gary Cooper: Il buio oltre la siepe di Robert Mulligan  
- Premio OCIC: I fidanzati di Ermanno Olmi  
1964

- Grand Prix: Les Parapluies de Cherbourg di Jacques Demy 
- Prix spécial du Jury: La donna di sabbia di Hiroshi Teshigahara 
- Miglior attrice: Barbara Barrie - Uno, patata, due, patata... ex aequo Anne Bancroft - Frenesia del piacere
- Miglior attore: Antal Páger - Pacsirta ex aequo Saro Urzì - Sedotta e abbandonata 
- Menzione speciale: La passeggera di Andrzej Munk e Witold Lesiewicz  

Non solo applausi...

L'Avventura (1960): al Festival di Cannes del 1960 è stato fischiato così tanto che Michelangelo Antonioni e Monica Vitti sono fuggiti dalla sala. Il film ricevette però il Premio speciale della Giuria.

Scopri: 16 film fischiati al Festival di Cannes

Gertrud (1964): il meraviglioso film di Carl Theodor Dreyer fu detestato a Cannes 1965 dove venne fischiato. Vinse il premio FIPRESCI ed ora è considerato uno dei capolavori del regista.

Taxi Driver (1976): il pubblico reagì indignato per la violenza del film e per il ruolo da prostituta della giovanissima Jodie Foster. Anche Tennessee Williams, presidente della giuria, rimase sconvolto. Nonostante tutto il film vinse la Palma d'Oro. 

Cuore Selvaggio (1990): il pubblico ha odiato la violenza della storia, ma il film di David Lynch venne premiato con la Palma d'Oro. Durante la consegna del Premio si sentirono fischi e proteste tra il pubblico.

La voce della luna (1990): Il film di Federico Fellini fu presentato fuori concorso al Festival di Cannes 1990 ma fu stroncato, frainteso o ignorato dalla maggior parte dei critici del Nord America.

Fuoco cammina con me (1992): se il pubblico aveva odiato una pellicola come "Cuore Selvaggio", figuratevi "Fuoco cammina con me". Il critico Owen Gleiberman lo definì come "Nightmare diretto da Antonioni"

Crash (1996): la scioccante storia diretta da David Cronenberg ha sconvolto il pubblico ma ha conquistato il Premio della giuria. Il film ha tuttora delle recensioni controverse. Su RottenTomatoes ha raccolto il 58% di voti positivi.

Idioti (1998): il film di Lars Von Trier provocò una tempesta di contestazioni: il critico cinematografico Mark Kermode urlò "Il est merde! Il est merde!" dal retro della sala durante l'ufficiale proiezione a Cannes 1998.

The Brown Bunny (2003): provocò tantissimi fischi e fece scalpore per la scena di sesso orale (non simulata). Il critico Roger Ebert e Vincent Gallo si scontrarono pesantemente finché la pellicola non venne rimontata (e ben criticata). 

Marie Antoinette (2006): il film di Sofia Coppola ha ricevuto dei fischi durante la prima per la stampa. Il critico Roger Ebert spiegò, in realtà, che solo un paio di giornalisti avevano fischiato e che i media avevano ingigantito l'evento. 
Southland Tales (2006):  Richard Kelly descrisse la negativa reazione del pubblico come "un'esperienza molto dolorosa su molti livelli". Alla fine entrò in sala di montaggio e ridusse la pellicola a 144 minuti. Ma ricevette poche recensioni positive.
Antichrist (2009): al Festival di Cannes 2009 Charlotte Gainsbourg vinse il premio come migliore attrice ma il film di Lars von Trier provocò numerose polemiche. Quattro persone svennero durante la proiezione.
The Tree of Life (2011): il film di Terrence Malick è stato presentato a Cannes 2011 con reazioni contrastanti: in sala si sentirono forti applausi e forti fischi. Ma vinse la Palma d'Oro. 
Post Tenebras Lux (2012): il film di Carlos Reygadas è stato presentato a Cannes 2012 e il New York Times ha riferito di fischi durante la proiezione. Tuttora la pellicola ha recensioni contrastanti: c'è lo considera incoerente e chi un capolavoro.
Lost River (2014): Il film, l'esordio alla regia di Ryan Gosling, è stato presentato al Festival di Cannes 2014, dove è stato accolto con fischi ed applausi da parte del pubblico. Il film ricevette recensioni negative al momento della sua uscita.
La foresta dei sogni (2015): A Cannes 2015 il film di Gus Van Sant è stato deriso e fischiato dal pubblico dei critici. Scott Foundas lo definì come "un film per nessuno", Pete Hammond ha scritto che "il film merita un destino migliore".

Dal 1965 al 1974

1965

- Grand Prix: Non tutti ce l'hanno di Richard Lester 
- Premio speciale della Giuria: Kwaidan di Masaki Kobayashi
- Miglior attrice: Samantha Eggar - Il collezionista 
- Miglior attore: Terence Stamp - Il collezionista 
- Miglior regia: Liviu Ciulei - La foresta degli impiccati 
- Miglior sceneggiatura: Pierre Schoendoerffer - 317º battaglione d'assalto ex aequo Ray Rigby - La collina del disonore 
1966

- Grand Prix: Signore & signori di Pietro Germi ex aequo Un uomo, una donna di Claude Lelouch 
- Premio speciale della Giuria: Alfie di Lewis Gilbert 
- Miglior attrice: Vanessa Redgrave - Morgan matto da legare
- Miglior attore: Per Oscarsson - Fame 
- Miglior regia: Sergei Yutkevich - Lenin in Polonia 
- Premio per la migliore opera prima: La sommossa di Mircea Muresan 
- Menzione speciale a Totò per la sua interpretazione in "Uccellacci e Uccellini" di Pier Paolo Pasolini  
1967

- Grand Prix: Blow-Up di Michelangelo Antonioni  
- Grand Prix Speciale della Giuria: L'incidente di Joseph Losey ex aequo Ho incontrato anche zingari felici di Aleksandar Petrovic 
- Miglior attrice: Pia Degermark - Elvira Madigan 
- Miglior attore: Oded Kotler - Shlosha Yamim Veyeled 
- Miglior regia: Ferenc Kósa - Diecimila giorni 
- Miglior sceneggiatura: Elio PetriUgo Pirro - "A ciascuno il suo" di Elio Petri ex aequo Alain Jessua - "Gioco di massacro" di Alain Jessua  
1968

Il Festival viene interrotto a causa delle proteste del Maggio Francese. Alcuni registi (tra cui François Truffaut, Jean-Luc Godard, Claude Lelouch, Roman Polanski e Louis Malle) protestano contro la decisione del ministro della cultura André Malraux di rimuovere Henri Langlois come direttore della Cinémathèque française. I registi fondano la Société des Réalisateurs de Films (SRF), che dal 1969 darà vita alla Quinzaine des Réalisateurs, la selezione parallela a quella ufficiale del Festival.

Louis Malle, Monica Vitti e Roman Polanski si dimettono dalla giuria. Alain Resnais, Carlos Saura e Milos Forman ritirano i loro film dal concorso. 

1969

- Grand Prix: Se... di Lindsay Anderson 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Adalen 31 di Bo Widerberg 
- Premio della giuria: Z - L'orgia del potere di Costa-Gavras 
- Miglior attrice: Vanessa Redgrave - Isadora
- Miglior attore: Jean-Louis Trintignant - Z - L'orgia del potere
- Miglior regia: Glauber Rocha - Antonio das Mortes ex aequo Vojtech Jasny - Cronaca morava 
- Premio per la migliore opera prima: Easy Rider di Dennis Hopper
1970

- Grand Prix: M*A*S*H di Robert Altman (USA)
- Grand Prix Speciale della Giuria: Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto di Elio Petri  
- Premio della giuria: I falchi di István Gaál ex aequo Fragole e sangue di Stuart Hagmann  
- Miglior attrice: Ottavia Piccolo - Metello
- Miglior attore: Marcello Mastroianni - Dramma della gelosia - Tutti i particolari in cronaca
- Miglior regia: John Boorman - Leone l'ultimo
  
1971

- Grand Prix: Messaggero d'amore di Joseph Losey
- Grand Prix Speciale della Giuria: E Johnny prese il fucile di Dalton Trumbo ex aequo Taking Off di Milos Forman 
- Premio della giuria: Joe Hill di Bo Widerberg ex aequo Amore di Károly Makk 
- Miglior attrice: Kitty Winn - Panico a Needle Park 
- Miglior attore: Riccardo Cucciolla - Sacco e Vanzetti
- Premio per la migliore opera prima: Per grazia ricevuta di Nino Manfredi 
 
1972

- Grand Prix: Il caso Mattei di Francesco Rosi ex aequo La classe operaia va in paradiso di Elio Petri 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Solaris di Andrei Tarkovsky 
- Premio della giuria: Mattatoio 5 di George Roy Hill 
- Miglior attrice: Susannah York - Images 
- Miglior attore: Jean Yanne - L'amante giovane 
- Premio per la regia: Miklós Jancsó - Salmo rosso 
- Menzione speciale: Gian Maria Volonté - "La classe operaia va in paradiso" e "Il caso Mattei"
1973

- Grand Prix: Un uomo da affittare di Alan Bridges ex aequo Lo spaventapasseri di Jerry Schatzberg
 - Grand Prix Speciale della Giuria: La maman et la putain di Jean Eustache 
- Premio della giuria: La clessidra di Wojciech Has ex aequo L'invito di Claude Goretta 
- Miglior attrice: Joanne Woodward - Gli effetti dei raggi gamma sui fiori
- Miglior attore: Giancarlo Giannini - Film d'amore e d'anarchia, ovvero stamattina alle 10 in Via dei Fiori nella nota casa di tolleranza
- Premio opera prima: Jeremy di Arthur Barron
1974

- Grand Prix: La conversazione di Francis Ford Coppola 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Il fiore delle Mille e una notte di Pier Paolo Pasolini 
- Premio della giuria: La cugina Angelica di Carlos Saura
- Miglior attrice: Marie-José Nat - I violini del ballo
- Miglior attore: Jack Nicholson - L'ultima corvè
 - Miglior sceneggiatura: Hal BarwoodMatthew Robbins e Steven Spielberg - Sugarland Express
- Grand Prix tecnico: La perdizione di Ken Russell 
- Premio FIPRESCI: La paura mangia l'anima di Rainer Werner Fassbinder 

Dal 1975 al 1984

1975

- Palma d'oro: Cronaca degli anni di brace di Mohammed Lakhdar-Hamina 
- Grand Prix Speciale della Giuria: L'enigma di Kaspar Hauser di Werner Herzog 
- Miglior attrice: Valerie Perrine - Lenny  
- Miglior attore: Vittorio Gassman - Profumo di donna
- Miglior regia: Michel Brault - Les ordres ex aequo Costa-Gavras - L'affare della Sezione Speciale 
- Grand Prix tecnico: Touch of zen - La fanciulla cavaliere errante di King Hu 
- Premio FIPRESCI: L'enigma di Kaspar Hauser di Werner Herzog 
1976

- Palma d'oro: Taxi Driver di Martin Scorsese 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Cría cuervos di Carlos Saura ex aequo La Marchesa von...  di Eric Rohmer 
- Miglior attrice: Dominique Sanda - L'eredità Ferramonti ex aequo Mari Töröcsik - Déryné hol van? 
- Miglior attore: José Luis Gómez - Pascual Duarte 
- Miglior regia: Ettore Scola - Brutti, sporchi e cattivi 
- Grand Prix tecnico: Michel Fano - L'unghia e il dente 
1977

- Palma d'oro: Padre padrone di Paolo e Vittorio Taviani  
- Miglior Attrice: Shelley Duvall - Tre donne ex aequo Monique Mercure - J.A. Martin photographe 
- Miglior attore: Fernando Rey - Elisa, vita mia 
- Premio per la migliore opera prima: I duellanti di Ridley Scott 
- Premio per la migliore musica: Norman Whitfield - "Car Wash" di Michael Schultz 
- Grand Prix tecnico: Car Wash di Michael Schultz 
1978

- Palma d'oro: L'albero degli zoccoli di Ermanno Olmi  
- Grand Prix Speciale della Giuria: Ciao maschio di Marco Ferreri ex aequo L'australiano di Jerzy Skolimowski 
- Miglior attrice: Jill Clayburgh - Una donna tutta sola ex aequo Isabelle Huppert - Violette Nozière
- Miglior attore: Jon Voight - Tornando a casa  
- Miglior regia: Nagisa Oshima - L'impero della passione 
- Grand Prix tecnico: Pretty Baby di Louis Malle 
- Caméra d'or per la migliore opera prima: Alambrista! di Robert M. Young
1979

- Palma d'oro: Apocalypse Now di Francis Ford Coppola ex aequo Il tamburo di latta di Volker Schlöndorff 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Siberiade di Andrei Konchalovsky 
- Miglior attrice: Sally Field - Norma Rae 
- Miglior attore: Jack Lemmon - Sindrome cinese 
- Miglior regia: Terrence Malick - I giorni del cielo 
- Grand Prix tecnico: Norma Rae di Martin Ritt
1980

- Palma d'oro: All That Jazz - Lo spettacolo continua di Bob Fosse ex aequo Kagemusha - L'ombra del guerriero di Akira Kurosawa
- Grand Prix Speciale della Giuria: Mio zio d'America di Alain Resnais 
- Premio della giuria: Constans di Krzysztof Zanussi  
- Miglior attrice: Anouk Aimée - Salto nel vuoto 
- Miglior attore: Michel Piccoli - Salto nel vuoto 
- Miglior sceneggiatura: Ettore ScolaAgenore Incrocci e Furio Scarpelli - La terrazza 
- Caméra d'or: Histoire d'Adrien, regia di Jean-Pierre Denis 
1981

- Palma d'oro: L'uomo di ferro di Andrzej Wajda  
- Grand Prix Speciale della Giuria: Gli anni luce di Alain Tanner 
- Miglior attrice: Isabelle Adjani - "Quartet" e "Possession" 
- Miglior attore: Ugo Tognazzi - La tragedia di un uomo ridicolo
- Miglior regia: István Szabó - Mephisto 
- Grand Prix tecnico: Bolero di Claude Lelouch 
- Caméra d'or: Desperado City di Vadim Glowna 
1982

- Palma d'oro: Missing - Scomparso di Costa-Gavras ex aequo Yol di Serif Gören e Yilmaz Güney 
- Grand Prix Speciale della Giuria: La notte di San Lorenzo di Vittorio Taviani e Paolo Taviani 
- Miglior attrice: Jadwiga Jankowska-Cieslak - Un altro sguardo 
- Miglior attore: Jack Lemmon - Missing (Scomparso)
- Miglior regia: Werner Herzog - Fitzcarraldo 
- Miglior sceneggiatura: Jerzy Skolimowski - Moonlighting 
- Caméra d'or: Mourir à trente ans di Romain Goupil 
1983

- Palma d'oro: La ballata di Narayama di Shohei Imamura 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Monty Python - Il senso della vita di Terry Gilliam e Terry Jones 
- Premio della giuria: Kharij di Mrinal Sen 
- Miglior attrice: Hanna Schygulla - Storia di Piera 
- Miglior attore: Gian Maria Volonté - La morte di Mario Ricci 
- Miglior regia: Robert Bresson - L'Argent ex aequo Andrei Tarkovsky - Nostalghia 
- Grand Prix tecnico: Carmen Story di Carlos Saura 
- Caméra d'or: La principessa di Pál Erdöss 
1984

- Palma d'oro: Paris, Texas di Wim Wenders 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Diario per i miei figli di Márta Mészáros 
- Miglior attrice: Helen Mirren - Cal
- Miglior attore: Francisco Rabal e Alfredo Landa - I santi innocenti 
- Miglior regia: Bertrand Tavernier - Una domenica in campagna  
- Miglior sceneggiatura: "Viaggio a Cytera" di Theodoros Angelopoulos 
- Grand Prix tecnico: L'elemento del crimine di Lars von Trier 
- Caméra d'or: Stranger than Paradise di Jim Jarmusch 

"Come si era felici quando eravate tutti imbecilli" Mario (Vittorio Gassman) da "La terrazza" di Ettore Scola (1980)

Anche questo è Cannes!

Grace Kelly era presente al Festival 1955 e venne invitata al Palazzo di Monaco. Il principe Ranieri III arrivò all'appuntamento con un'ora di ritardo ed ebbe una piccola discussione con l'attrice. A gennaio 1956 erano fidanzati, si sposarono il 18 aprile.

Scopri: 12 momenti indimenticabili al Festival di Cannes
2001: Nanni Moretti è in gara con "La stanza del figlio" mentre David Lynch con "Mulholland Drive". Prima della premiazione Lynch si avvicina a Moretti e gli disse: "Ti ammazzo". Nanni rispose: "Perché? Non so se ho vinto". E Lynch: "Non importa, ti ucciderò comunque". "La stanza del figlio" vinse la Palma d'Oro, Lynch fu premiato come miglior regista.
Era il 2003 e il film "Irreversible" di Gaspar Noé con Vincent Cassel e Monica Bellucci sconvolse la platea. Tre persone svennero durante la proiezione durante la lunga scena dello stupro.
Lars Von Trier porta a Cannes 2011 il suo "Melancholia". Durante la conferenza stampa il regista ha esordito con battute su ebrei e nazisti, ha dichiarato "di capire Adolf Hitler" e che "Israele è un problema, come un dito nel culo". Il regista ha subito chiesto scusa ma la direzione del Festival lo ha espulso dichiarandolo "persona non grata".

Dal 1985 al 1994

1985

- Palma d'oro: Papà è in viaggio d'affari  di Emir Kusturica  
- Grand Prix Speciale della Giuria: Birdy - Le ali della libertà di Alan Parker 
- Premio della giuria: Il colonnello Redl di István Szabó 
- Miglior attrice: Norma Aleandro - La storia ufficiale ex aequo Cher - Dietro la maschera 
- Miglior attore: William Hurt - Il bacio della donna ragno
- Miglior regia: André Téchiné - Rendez-vous 
- Grand Prix tecnico: La signora in bianco di Nicolas Roeg 
1986

- Palma d'oro: Mission di Roland Joffé 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Sacrificio di Andrei Tarkovsky 
- Premio della giuria: Thérèse di Alain Cavalier 
- Miglior attrice: Fernanda Torres - Eu Sei Que Vou Te Amar ex aequo Barbara Sukowa - Rosa L.  
- Miglior attore: Bob Hoskins - Mona Lisa ex aequo Michel Blanc - Lui portava i tacchi a spillo  
- Miglior regia: Martin Scorsese - Fuori orario 
Grand Prix tecnico: Mission di Roland Joffé 
1987

- Palma d'oro: Sotto il sole di Satana di Maurice Pialat 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Pentimento di Tengiz Abuladze 
- Premio della giuria: Shinran: Shiroi michi di Rentaro Mikuni ex aequo Yeelen, la luce di Souleymane Cissé 
- Miglior attrice: Barbara Hershey - I diffidenti  
- Miglior attore: Marcello Mastroianni - Oci ciornie 
- Miglior regia: Wim Wenders - Il cielo sopra Berlino 
- Grand Prix tecnico: Le cinéma dans les yeux di Laurent Jacob e Gilles Jacob 
1988

- Palma d'oro: Pelle alla conquista del mondo di Bille August 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Un mondo a parte di Chris Menges
- Premio della giuria: Breve film sull'uccidere di Krzysztof Kieslowski 
- Miglior attrice: Barbara HersheyJodhi May e Linda Mvusi - Un mondo a parte 
- Miglior attore: Forest Whitaker - Bird  
- Miglior regia: Fernando E. Solanas - Sur 
 - Caméra d'or: Salaam Bombay! di Mira Nair 
1989

- Palma d'oro: Sesso, bugie e videotape di Steven Soderbergh 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Nuovo cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore ex aequo Troppo bella per te! di Bertrand Blier 
- Premio della giuria: Jésus de Montréal di Denys Arcand 
- Miglior attrice: Meryl Streep - Un grido nella notte 
- Miglior attore: James Spader - Sesso, bugie e videotape
- Miglior regia: Emir Kusturica - Il tempo dei gitani 
- Grand Prix tecnico: Pioggia nera di Shohei Imamura 
- Caméra d'or: Il mio XX secolo di Ildikó Enyedi  
1990

- Palma d'oro: Cuore selvaggio di David Lynch 
- Grand Prix Speciale della Giuria: L'aculeo della morte di Kôhei Oguri  ex aequo Tilaï di Idrissa Ouedraogo 
- Premio della giuria: L'agenda nascosta di Ken Loach 
- Miglior attrice: Krystyna Janda - Przesluchanie 
- Miglior attore: Gérard Depardieu - Cyrano de Bergerac 
- Miglior regia: Pavel Lungin - Taxi Blues 
- Grand Prix tecnico: Pierre Lhomme - Cyrano de Bergerac 
- Caméra d'or: Sta' fermo, muori e resuscita di Vitali Kanevsky 
1991

- Palma d'oro: Barton Fink - È successo a Hollywood di Joel Coen 
- Grand Prix Speciale della Giuria: La bella scontrosa di Jacques Rivette 
- Premio della giuria: Europa di Lars von Trier ex aequo La vita sospesa di Maroun Bagdadi 
- Miglior attrice: Irène Jacob - La doppia vita di Veronica 
- Miglior attore:  John Turturro - Barton Fink
- Miglior regia: Joel Coen - Barton Fink
- Grand Prix tecnico: Europa di Lars von Trier 
- Caméra d'or: Toto le Héros di Jaco van Dormael 
1992

- Palma d'oro: Con le migliori intenzioni di Bille August 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Il ladro di bambini di Gianni Amelio 
- Premio della giuria: Una vita indipendente di Vitali Kanevsky ex aequo Il sole della mela cotogna di Víctor Erice 
- Miglior attrice: Pernilla August - Con le migliori intenzioni 
- Miglior attore: Tim Robbins - I protagonisti 
- Miglior regia: Robert Altman - I protagonisti 
- Grand Prix tecnico: Il viaggio di Fernando E. Solanas 
- Caméra d'or: Mac di John Turturro  
1993

- Palma d'oro: Addio mia concubina di Chen Kaige ex aequo Lezioni di piano di Jane Campion 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Così lontano, così vicino di Wim Wenders 
- Premio della giuria: Piovono pietre di Ken Loach ex aequo Il maestro burattinaio di Hou Hsiao-Hsien 
- Miglior attrice: Holly Hunter - Lezioni di piano 
- Miglior attore: David Thewlis - Naked (Nudo)
- Miglior regia: Mike Leigh - Naked (Nudo)
- Grand Prix tecnico: Jean Gargonne e Vincent Arnardi - "Mazeppa" di Bartabas 
- Caméra d'or: Il profumo della papaya verde di Tran Anh Hung  
1994

- Palma d'oro: Pulp Fiction di Quentin Tarantino 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Vivere!  di Zhang Yimou ex aequo Sole ingannatore di Nikita Mikhalkov 
- Premio della giuria: La Regina Margot di Patrice Chéreau 
- Miglior attrice:  Virna Lisi - La Regina Margot
- Miglior attore: Ge You - Vivere! 
- Miglior regia: Nanni Moretti - Caro diario 
- Miglior sceneggiatura: Michel Blanc - Il sosia (Che fatica essere se stessi) 
- Grand Prix tecnico: Pitof - Il sosia (Che fatica essere se stessi) di Michel Blanc  
- Caméra d'or: Petits arrangements avec les morts di Pascale Ferran 

1994: Il dito medio di Tarantino

Cannes 1994: "Pulp Fiction" vince la Palma d'Oro. Durante la premiazione ci furono della contestazioni dalla platea e qualcuno urlò "E' uno scandalo, uno scandalo!". Quentin Tarantino dal palco rispose sorridendo e alzando il dito medio.

Dal 1995 al 2004

1995

- Palma d'oro: Underground di Emir Kusturica 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Lo sguardo di Ulisse di Theodoros Angelopoulos 
- Premio della giuria: N'oublie pas que tu vas mourir di Xavier Beauvois 
- Miglior attrice: Helen Mirren - La pazzia di Re Giorgio
- Miglior attore: Jonathan Pryce - Carrington 
- Miglior regia: Mathieu Kassovitz - L'odio 
- Grand Prix tecnico: La triade di Shanghai di Zhang Yimou 
Caméra d'or: Il palloncino bianco di Jafar Panahi 
1996

- Palma d'oro: Segreti e bugie di Mike Leigh 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Le onde del destino di Lars von Trier 
- Premio della giuria: Crash di David Cronenberg 
- Miglior attrice: Brenda Blethyn - Segreti e bugie
- Miglior attore: Daniel Auteuil e Pascal Duquenne - L'ottavo giorno 
- Miglior regia: Joel Coen - Fargo  
- Miglior sceneggiatura: Jacques Audiard e Alain Le Henry - "Un héros très discretdi Jacques Audiard 
- Grand Prix tecnico: Microcosmos - Il popolo dell'erba di Claude Nuridsany e Marie Perennou 
1997

- Palma d'oro: L'anguilla di Shohei Imamura ex aequo Il sapore della ciliegia di Abbas Kiarostami 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Il dolce domani di Atom Egoyan  
- Premio della giuria: Western di Manuel Poirier  
- Miglior attrice: Kathy Burke - Niente per bocca 
- Miglior attore: Sean Penn - She's So Lovely (Così carina)
- Miglior regisa: Wong Kar-wai - Happy Together  
- Miglior sceneggiatura: James Schamus - "Tempesta di ghiaccio" di Ang Lee 
- Caméra d'or: Moe no suzaku di Naomi Kawase 
1998

- Palma d'oro: L'eternità e un giorno di Theodoros Angelopoulos 
- Grand Prix Speciale della Giuria: La vita è bella di Roberto Benigni 
- Premio della giuria: La classe de neige di Claude Miller ex aequo Festen - Festa in famiglia di Thomas Vinterberg 
- Miglior attrice: Élodie Bouchez e Natacha Régnier - La vita sognata degli angeli 
- Miglior attore: Peter Mullan - My Name Is Joe 
- Miglior regia: John Boorman - The General 
- Miglior sceneggiatura: Hal Hartley - La follia di Henry 
- Caméra d'or: Slam di Marc Levin
1999

- Palma d'oro: Rosetta di Jean-Pierre e Luc Dardenne  
- Grand Prix Speciale della Giuria: L'umanità di Bruno Dumont  
- Premio della giuria: La lettera di Manoel de Oliveira  
- Miglior attrice: Séverine Caneele - L'umanità  di Bruno Dumont ex aequo Émilie Dequenne - Rosetta
- Miglior attore: Emmanuel Schotté - L'umanità
- Miglior regia: Pedro Almodóvar - Tutto su mia madre  
- Miglior sceneggiatura: Moloch di Aleksandr Sokurov 
- Caméra d'or: Marana Simhasanam di Murali Nair 
2000

- Palma d'oro: Dancer in the Dark di Lars von Trier 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Guizi Lai Le di Wen Jiang 
- Premio della giuria: Sånger från andra våningen di Roy Andersson ex aequo Lavagne di Samira Makhmalbaf 
- Miglior attrice: Björk - Dancer in the Dark 
- Miglior attore: Tony Leung Chiu-Wai - In the Mood for Love 
- Miglior regia: Edward Yang - Yi Yi - e uno... e due... 
- Miglior sceneggiatura: "Betty Love" di Neil LaBute 
- Caméra d'or: Djomeh di Hassan Yektapanah ex aequo Il tempo dei cavalli ubriachi di Bahman Ghobadi  
2001

- Palma d'oro: La stanza del figlio di Nanni Moretti 
- Grand Prix Speciale della Giuria: La pianista di Michael Haneke 
- Miglior attrice: Isabelle Huppert - La pianista 
- Miglior attore: Benoît Magimel - La pianista 
- Miglior regia: Joel Coen - L'uomo che non c'era ex aequo David Lynch - Mulholland Drive 
- Miglior sceneggiatura: Danis Tanović - No Man's Land 
2002

- Palma d'oro: Il pianista di Roman Polański 
- Grand Prix Speciale della Giuria: L'uomo senza passato di Aki Kaurismaki 
- Miglior attrice: Kati Outinen - L'uomo senza passato
- Miglior attore: Olivier Gourmet - Il figlio 
- Miglior regia: Im Kwon-taek - Ebbro di donne e di pittura ex aequo Paul Thomas Anderson - Ubriaco d'amore 
- Miglior sceneggiatura:  Paul Laverty - "Sweet Sixteen" di Ken Loach
2003

- Palma d'oro: Elephant di Gus Van Sant  
- Grand Prix Speciale della Giuria: Uzak di Nuri Bilge Ceylan 
- Miglior attrice: Marie-Josée Croze - Le invasioni barbariche 
- Miglior attore: Muzaffer Ozdemir e Mehmet Emin Toprak - Uzak 
- Miglior regia: Gus Van Sant - Elephant  
- Miglior sceneggiatura: Denys Arcand - Le invasioni barbariche 
- Premio della giuria: Alle cinque della sera di Samira Makhmalbaf  
2004

- Palma d'oro: Fahrenheit 9/11 di Michael Moore 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Oldboy di Park Chan-wook 
- Miglior attrice: Maggie Cheung - Clean (Quando il rock ti scorre nelle vene)
- Miglior attore: Yûya Yagira - Nessuno lo sa 
- Miglior regia: Tony Gatlif - Exils 
- Miglior sceneggiatura: Agnès Jaoui e Jean-Pierre Bacri - Così fan tutti  

"Come la vedo l'ammazzo, come se mi avesse rigato la macchina!" (Betty Love - 2001)

1998: Roberto si inchina davanti a Scorsese

"La vita è bella" vince il Grand Prix Speciale della Giuria a Cannes 1998. Quando Roberto Benigni sale sul palco la premiazione prende vita e il pubblico inizia a ridere: l'attore e regista bacia tutta la giuria e si inchina davanti al presidente Martin Scorsese. 

Dal 2005 al 2016

2005

- Palma d'oro: L'Enfant - Una storia d'amore di Jean-Pierre e Luc Dardenne 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Broken Flowers di Jim Jarmusch  
- Miglior attrice: Hanna Laszlo - Free Zone 
- Miglior attore: Tommy Lee Jones - Le tre sepolture 
- Miglior regia: Michael Haneke - Niente da nascondere  
- Miglior sceneggiatura: Guillermo Arriaga - Le tre sepolture 
- Premio della giuria: Shanghai Dreams di Wang Xiaoshuai
2006

- Palma d'oro: Il vento che accarezza l'erba  di Ken Loach 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Flandres di Bruno Dumont 
- Miglior attrice: Penélope CruzCarmen MauraLola DueñasChus LampreaveYohana Cobo e Blanca Portillo - Volver 
- Miglior attore: Jamel DebbouzeSamy NaceriSami BouajilaRoschdy Zem e Bernard Blancan - Days of Glory 
- Miglior regia: Alejandro González Iñárritu - Babel  
- Miglior sceneggiatura: Pedro Almodóvar - Volver 
- Premio della giuria: Red Road di Andrea Arnold 
2007

- Palma d'oro: 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni di Cristian Mungiu  
- Grand Prix Speciale della Giuria: Mogari No Mori di Naomi Kawase  
- Miglior regia: Julian Schnabel - Lo scafandro e la farfalla  
- Miglior sceneggiatura: Fatih Akın - Ai confini del paradiso 
- Miglior attrice: Jeon Do-yeon - Secret Sunshine 
- Miglior attore: Konstantin Lavronenko - Izgnanie 
- Premio della giuria: Persepolis di Marjane Satrapi e Vincent Paronnaud ex aequo Luz Silenciosa di Carlos Reygadas 
2008

- Palma d'oro: La classe - Entre les murs di Laurent Cantet  
- Grand Prix Speciale della Giuria: Gomorra di Matteo Garrone 
- Miglior regia: Nuri Bilge Ceylan - Le tre scimmie 
- Miglior sceneggiatura: Jean-Pierre e Luc Dardenne - Il matrimonio di Lorna  
- Miglior attrice: Sandra Corveloni - Linha de passe 
- Miglior attore: Benicio del Toro - Che 
- Premio della giuria: Il divo di Paolo Sorrentino 
2009

- Palma d'oro: Il nastro bianco di Michael Haneke 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Il profeta di Jacques Audiard  
- Miglior regia: Brillante Mendoza - Kinatay  
- Miglior sceneggiatura:  Mei Feng - Chun feng chen zui de ye wan  
- Miglior attrice:  Charlotte Gainsbourg - Antichrist 
- Miglior attore: Christoph Waltz - Bastardi senza gloria 
- Premio della giuria: Fish Tank di Andrea Arnold ex aequo Bak-Jwi di Park Chan-wook  
2010

- Palma d'oro: Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti di Apichatpong Weerasethakul  
- Grand Prix Speciale della Giuria: Uomini di Dio di Xavier Beauvois  
- Miglior regia: Mathieu Amalric - Tournée 
- Miglior sceneggiatura: Lee Chang-dong - Poetry 
- Miglior attrice: Juliette Binoche - Copia conforme  
- Miglior attore: Javier Bardem - Biutiful  ex aequo Elio Germano - La nostra vita 
- Premio della giuria: Un homme qui crie di Mahamat-Saleh Haroun  
2011

- Palma d'oro: The Tree of Life di Terrence Malick 
- Grand Prix Speciale della Giuria: C'era una volta in Anatolia di Nuri Bilge Ceylan ex aequo Il ragazzo con la bicicletta di Jean-Pierre e Luc Dardenne 
- Miglior regia:  Nicolas Winding Refn - Drive 
- Miglior sceneggiatura: Joseph Cedar - Hearat Shulayim 
- Miglior attrice: Kirsten Dunst - Melancholia 
- Miglior attore:  Jean Dujardin - The Artist  
- Premio della giuria: Polisse di Maïwenn 
2012

- Palma d'oro: Amour di Michael Haneke
- Grand Prix Speciale della Giuria: Reality di Matteo Garrone 
- Miglior regia: Post Tenebras Lux di Carlos Reygadas 
- Miglior sceneggiatura: Oltre le colline di Cristian Mungiu 
- Miglior attrice: Cosmina Stratan ex aequo Cristina Flutur per Oltre le colline 
- Miglior attore: Mads Mikkelsen - Il sospetto 
- Premio della giuria: La parte degli angeli di Ken Loach 
2013

- Palma d'oro: La vita di Adele di Abdellatif Kechiche 
- Grand Prix Speciale della Giuria: A proposito di Davis di Joel ed Ethan Coen 
- Miglior regia: Heli di Amat Escalante 
- Miglior sceneggiatura: Il tocco del peccato - A Touch of Sin di Jia Zhangke 
- Miglior attrice: Bérénice Bejo per Il passato 
- Miglior attore: Bruce Dern per Nebraska 
- Premio della giuria: Father and Son di Hirokazu Kore-eda 
2014

- Palma d'oro: Il regno d'inverno - Winter Sleep di Nuri Bilge Ceylan 
- Grand Prix Speciale della Giuria: Le meraviglie di Alice Rohrwacher 
- Miglior regia:  Bennett Miller per Foxcatcher - Una storia americana 
- Miglior sceneggiatura: Andreï Zviaguintsev e Oleg Negin per Leviathan 
- Miglior attrice: Julianne Moore per Maps to the Stars  
- Miglior attore: Timothy Spall per Turner  
- Premio della giuria (ex-aequo): Mommy di Xavier Dolan e Adieu au langage - Addio al linguaggio di Jean Luc Godard  
2015

- Palma d'oro: Dheepan - Una nuova vita di Jacques Audiard
- Grand Prix Speciale della Giuria: Il figlio di Saul di László Nemes
- Miglior regia:  Hou Hsiao-hsien per The Assassin 
- Miglior sceneggiatura: Michel Franco per Chronic
- Miglior attrice (ex aequo): Emmanuelle Bercot per Mon roi - Il mio re  e Rooney Mara per Carol
- Miglior attore: Vincent Lindon per La legge del mercato 
​- Premio della giuria: The Lobster di Yorgos Lanthimos
2016

- Palma d'oro: I, Daniel Blake di Ken Loach
- Grand Prix Speciale della Giuria: Juste la fin du monde di Xavier Dolan
- Miglior regia: (ex aequo) Olivier Assayas per Personal Shopper e Cristian Mungiu per Bacalaureat
- Sceneggiatura: Asghar Farhadi - Forushande
- Miglior attrice: Jaclyn Jose - Ma' Rosa
- Miglior attore: Shahab Hosseini - Forushande
- Premio della giuria: American Honey di Andrea Arnold

"Non dire così, che mi metto a piangere… e i fantasmi non piangono". (Volver - 2006)

I film girati a Cannes

Caccia al ladro (1954) di Alfred Hitchcock: un ex-ladro di gioielli è sospettato di furto e ora deve scovare il vero colpevole, al fine di dimostrare la sua innocenza. Il regista mandò una troupe a girare le esterne a Cannes e in costa Azzurra.

Scopri: i film girati sulla Croisette
French Kiss (1995) di  Lawrence Kasdan: un ladro fa innamorare perdutamente un'ingenua Meg Ryan, giunta in Francia per riconquistare l'amore del precedente fidanzato. Un film on the road con una sequenza dedicata a Cannes.
Ronin (1998) di John Frankenheimer: tra Cannes e Nizza è ambientato "Ronin", famoso thriller con Robert De Niro e Jean Renò, nel quale si mescolano oscuri intrighi tra l'IRA e la mafia russa e la CIA. 
Femme Fatale (2002) di Brian De Palma: Una donna cerca di seguire la retta via, anche se il suo passato torna a perseguitarla. Il regista scelse la Croisette e il Festival come ambientazione per la scena iniziale del film.  
Mr. Bean's Holiday (2007) di Steve Bendelack: Mr. Bean vince un viaggio a Cannes, dove separa involontariamente un ragazzo da suo padre e deve aiutare i due a tornare insieme. Nel frattempo scopre la Francia, la bicicletta... e il vero amore.